Il nostro obiettivo è ottenere le informazioni più accurate che sappiamo influire in modo fondamentale sulla vita degli individui e fornire ai medici la consulenza più affidabile per le loro decisioni.

Please enter subscribe form shortcode

Uno dei principali fattori di infertilità e aborti ripetuti è rappresentato dalle mutazioni della madre e/o del padre. Queste alterazioni genetiche possono influenzare la produzione di spermatozoi o di ovuli e, se trasmesse al feto, possono provocare un aborto spontaneo. I test genetici applicati all’embrione nel processo di fecondazione in vitro e ai futuri genitori aiutano ad avere un bambino sano.

CHE COS’È LA DGP?

Il test genetico preimpianto è l’esame genetico dell’embrione creato in condizioni di laboratorio. In questa procedura, gli embrioni ottenuti durante la fecondazione in vitro vengono esaminati geneticamente prima di essere impiantati nell’utero della madre, cioè prima che inizi la gravidanza. Presso il Centro di Valutazione delle Malattie Genetiche di Generazioni, tutte le domande di PGD vengono studiate con metodi molecolari.

PERCHÉ DOVREI AVERE LA PGT?

  • Per una gravidanza sana e di successo,
  • Se la futura madre ha 35 anni o più,
  • Aborto spontaneo ripetuto,
  • Ripetuti fallimenti della fecondazione in vitro,
  • Se in famiglia c’è una malattia genetica nota,
  • In caso di infertilità inspiegabile,

Vi consigliamo di sottoporvi alla FIV e di sottoporre gli embrioni alla DGP. In questo modo, vogliamo aumentare le vostre possibilità di successo selezionando l’embrione più sano e aiutarvi a costruire una famiglia felice e sana.

QUALI MALATTIE POSSONO ESSERE RILEVATE CON LA PGT?

Disturbi cromosomici numerici (DGP-A): Malattie che possono insorgere se il numero dei cromosomi è anormale (aneuploidia), come la sindrome di Down, la sindrome di Edwards e la sindrome di Klinefelter.

Disturbi strutturali cromosomici (DGP-SR): Malattie che possono nascere a causa dello spostamento di alcune regioni dei cromosomi, creando una struttura genetica anomala.

Malattie a singolo gene (PGD-M): Malattie genetiche come SMA, FMF, talassemia, fibrosi cistica, se segnalate nei futuri genitori o nelle loro famiglie.

CON QUALI STUDI VIENE APPLICATO IL METODO PGT?

Embrioni 3. o 5. Dalle biopsie prelevate il giorno stesso, possiamo eseguire l’analisi numerica di un certo numero di cromosomi con il metodo FISH, l’analisi numerica di tutti i cromosomi e lo screening delle traslocazioni bilanciate o sbilanciate ad alta precisione con il metodo NGS, l’analisi numerica di tutti i cromosomi e lo screening delle traslocazioni sbilanciate con la cariotipizzazione molecolare (Microarray), la genealogia, il carriage e le malattie di un singolo gene con i metodi di sequenziamento Sanger e di analisi dei frammenti.

In circa il 10% delle coppie con problemi di infertilità, la causa è dovuta a fattori genetici.

GENETICA NELL’INFERTILITÀ MASCHILE

Circa la metà dei casi di infertilità è costituita da infertilità maschile di origine genetica. I soggetti con oligoastenoteratospermia grave, azoospermia ostruttiva, azoospermia non ostruttiva, oligoastenoteratospermia e fallimento ricorrente dell’impianto sono a rischio genetico.

MICRODELEZIONE DEL CROMOSOMA Y

Le regioni AZFa, AZFb e AZFc del gene noto come “fattore di azoospermia” o “AZF” sul braccio lungo del cromosoma Y sono associate all’infertilità maschile.

MUTAZIONE DELLA FIBROSI CISTICA

L’assenza bilaterale congenita dei vasi deferenti (CBAVD) si osserva nell’1-2% degli uomini infertili. Le persone affette da fibrosi cistica o con diagnosi di CBAVD sono sottoposte a indagini genetiche per la ricerca di mutazioni del gene regolatore della transmembrana della fibrosi cistica (CFTR).

GENETICA NELL’INFERTILITÀ FEMMINILE

Nelle donne, le malattie genetiche possono causare infertilità, influenzando il ciclo riproduttivo e/o l’equilibrio ormonale. Questi risultati genetici comprendono irregolarità cromosomiche e mutazioni di singoli geni. Le cause genetiche più comuni di infertilità femminile sono le anomalie cromosomiche e le mutazioni del gene FMR1 sul cromosoma X, responsabili della sindrome di Fragile-X.

La sindrome dell’X fragile è la causa genetica più comune di autismo a livello mondiale e la più comune causa ereditaria di ritardo mentale.

Le donne portatrici di Fragile-X non presentano i sintomi della sindrome di Fragile-X, ma possono essere a rischio di disturbi correlati, come la sindrome del tremore/atassia associata a Fragile-X (FXTAS). Inoltre, dal punto di vista riproduttivo, esiste il rischio di un’insufficienza ovarica prematura. Si tratta di una condizione solitamente riconosciuta come basso AMH/alto FSH durante i test di routine per l’infertilità.

ESAME CITOGENETICO

Le colture cellulari ottenute dal sangue periferico maschile e femminile possono essere analizzate per individuare anomalie cromosomiche nel numero e nella struttura dei cromosomi.

  • Traslocazione reciproca
  • Traslocazione di tipo Robertson

La diagnosi prenatale consiste nell’esame di campioni fetali a livello cromosomico o genico prima della nascita. Per la diagnosi prenatale, il campione del bambino viene ottenuto con un intervento invasivo.

La biopsia dei villi coriali (CVS), uno di questi metodi, viene utilizzata alla 10a settimana di gravidanza. L’esame genetico viene effettuato prelevando un campione dalla placenta affacciata sull’utero a partire dalla prima settimana di gravidanza.

Lo stesso esame è stato eseguito a 16 settimane di gestazione. Dopo la prima settimana di gravidanza, è possibile eseguire un’altra procedura chiamata amniocentesi (AS). L’AS è il processo di prelievo di un campione del liquido in cui si trova il feto.

Se per qualsiasi motivo non si è raggiunta la 20a settimana di gravidanza Se il sangue fetale può essere analizzato geneticamente mediante prelievo di sangue cordonale (cordocentesi; CS), se il sangue del cordone fetale viene raccolto dopo la prima settimana di gravidanza o se vi sono dubbi sui risultati di studi precedenti, è possibile eseguire un esame genetico del sangue fetale.

CVS, AS o KS vengono eseguiti da ginecologi e ostetrici e i campioni vengono esaminati presso i centri di diagnosi genetica.

Le indicazioni per la diagnosi prenatale includono;

  • Età materna avanzata, in particolare le donne in attesa dopo i 35 anni di età
  • Aumento del rischio di risultati di test doppi o tripli dal risultato NIPT del siero materno
  • La madre o il padre sono portatori di un’anomalia cromosomica numerica o strutturale se nella nascita precedente era presente un’anomalia cromosomica. A volte nella stessa persona si possono trovare sia cellule normali che cellule con anomalie cromosomiche numeriche. La diagnosi prenatale viene eseguita per prevenire malattie come la sindrome di Turner e la sindrome di Klinefelter, poiché il mosaicismo, soprattutto nei casi di mosaico in termini di cromosomi sessuali (X e Y), può causare differenze numeriche nel bambino in base al tasso di mosaicismo.
  • Le anomalie cromosomiche sono la causa del 50-60% degli aborti frequenti. Le trisomie sono responsabili della metà di questi casi. Le trisomie più comuni sono la 13, la 16, la 18, la 21. Si verifica nei cromosomi. L’analisi cromosomica con metodo citogenetico o l’esame FISH possono essere eseguiti per la diagnosi prenatale.

L’applicazione di metodi di genetica molecolare nella diagnosi prenatale è importante per la prevenzione dei disordini di un singolo gene. In base alle caratteristiche di ereditarietà della malattia, la probabilità di trasmissione della malattia dalla madre o dal padre portatore è del 25-50%. Per la diagnosi prenatale di queste malattie, che spesso hanno conseguenze gravi, la madre e il padre devono essere sottoposti a un test di trasmissione preliminare.

Il test prenatale non invasivo (NIPT) è un’analisi del DNA fetale extracellulare per verificare la presenza di anomalie cromosomiche e di disturbi di singoli geni. Questo metodo prevede l’ottenimento del campione fetale da un campione di sangue materno e non dalla placenta o dal liquido amniotico, che richiede una procedura invasiva. La NIPT per le anomalie cromosomiche è stata introdotta per la prima volta nel 2011 negli Stati Uniti, in Europa occidentale e in Cina.

La NIPT tradizionale comprende il rilevamento della trisomia 21 (sindrome di Down), della trisomia 18 (sindrome di Edwards) e della trisomia 13 (sindrome di Patau). Tuttavia, nel corso del tempo, molti studi hanno ampliato il NIPT tradizionale per individuare anomalie numeriche e strutturali non solo in questi tre cromosomi, ma anche in tutti i cromosomi contemporaneamente.

La Whole Genome NIPT rappresenta uno strumento di screening avanzato per l’individuazione prenatale di anomalie cromosomiche, consentendo di individuare squilibri clinicamente significativi che non possono essere rilevati dai test NIPT convenzionali. Questo livello di screening offre una sensibilità significativamente più elevata rispetto allo screening standard, pur mantenendo un alto livello di specificità, con il potenziale di migliorare la gestione completa della gravidanza. (Francesco Fiorentino*).

Il test NIPT viene utilizzato alla 10a settimana di gravidanza. Si esegue a partire dalla prima settimana di gravidanza, tenendo conto delle seguenti indicazioni;

  • Età materna avanzata (>37 )
  • Risultato positivo allo screening del siero materno
  • Risultati ecografici anomali
  • Anamnesi di gravidanza con aneuploidia
  • Genitore portatore di traslocazione

I campioni che possono essere utilizzati per la diagnosi postnatale sono campioni di sangue periferico e di tessuto.

I neonati con una diagnosi clinica di sindrome con un difetto dismorfologico vengono esaminati alla ricerca di microdelezioni, mutazioni o riarrangiamenti. A seconda dello studio desiderato, vengono eseguiti studi citogenetici o molecolari.